NIENTE PIU’ROGHI SU QUEI CRINALI


“..ma tra i puri
lo scandalo durava ancora,
sotto il cielo di azzurro doloroso…”

Con torcimenti di sguardo,
e locuzioni di una particolare sua fattura
(pari a estratti de Il calcolo sublime),
volle distogliersi ,
-da simile aberrato-
minacciata come da un contatto impuro
in quel pauroso momento della rivelazione.
Non poteva soffrire,
la vista della famelica faccia:
certi occhi a figgerle addosso,
l’apparato oculare intero a guatare i precipizi,
e con le tracce sacre dell’Angoscia
( E, nella stupefacente nudità
del suo avvilimento,
le sembrava di essere davvero là,
come di fronte
a quelle vacche magre del Faraone…)
Non parlava poi
che di cospirazioni,
– e delle sofferenze espiative-
le attribuiva a cause fantastiche,
forse a una fissazione nuova,
tra le stesse mute cose
offertele come dentro a una bocca metallica,
lei schedulata tra gli essenti.
Eppure le sanguinarie sette sterminate
si stagliavano ora così pallide,
ossa su strade polverose,
segni ominosi
di una fede che l’aveva infine cattivata,
tra quei funeri, e il disvenamento tutto
(E niente più roghi
su quei crinali in lontananza,
e lungo i dilavati margini)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: