BEN OLTRE LA SUA CANCELLAZIONE


“In quella loro irrimediabilità
le condizioni erano terribili:
forse aveva parlato l’onnipotente…”

Lei sfolgorava di ira
avrebbe messo il foco, avrebbe
e gli occhi abbruciavano,
– in ogni vibrazione-,
le sembrava ora di toccare il terreno di un gelo universale,
quelle correnti sotterranee del suolo saturo,
il mondo degli strati inferiori.
Intuisce,
che il mondo collassa:
passavano i chilometri,
-orizzonti deflettevano-
lei non ricordava più la transizione,
quell’ anteposizione
-e agli estesi disastri-
( oh non riuscire a sopportare,
la perdita di quella creatura debole,
e ben oltre la sua cancellazione!)
Ma lei dirà ora della mutazione,
ha rimesso in moto quel’ordinario macchinismo,
e- nei compianti rituali –
è fin irriconoscibile a se stessa ,
studia anche i decrittatori,
quei demiurghi della cessazione.
( Aveva visto la scritta profetica sui muri,
perfino lì,
nelle zone paludose delle acque morte tutte,
nella totale asepsi.).

Una Risposta

  1. ringrazio( sia purecon grave ritardo( Emilia Barbato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: