NEL DURO GRIGIORE BOREALE


I giorni di quell’ottobre
furono freschi e turchini,
le notti avevano la stessa arsura
della piena estate…
E subito
– nella luce esatta
delle furiose sfioriture-
ci fu il duro grigiore boreale:
lei vedeva ovunque,
le bianche calcinate mura,
la grande montagna scabra.
E loro se ne rimanevano così,
separati e puliti come due pezzi anatomici,
a venerare i corpi delle tre sante
chiuse nelle urne,
resi attoniti dalla gesuitica prevaricazione…

Annunci

Una Risposta

  1. grazie a Emilia Barbato per la visita
    un caro saluto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: