ALLA FINE POI VI FU


Alla fine poi vi fu,
quella macerazione,
con quei suoi deliquescenti eccessi…

Nella mente si sfaceva,
smoriva come in una prateria sommersa,
in quelle paludi dei cipressi,
nelle stagnanti acque.
Tutto era divenuto elusivamente grande,
e c’era solo una nera calma- di quella notte disumana,
la corrente che raccoglie ossa e ne fa sussurri.
Nella vastità scandalizzata del cielo.
– e in ogni dorso cavo-
poteva anelare ad uno spazio casto:
un moto immobile,
la dolce crudeltà,
tutta quella traboccante assenza.

Annunci

2 Risposte

  1. meravigliosa Dominique. Mi piace infinitamente.

  2. ti sono assai grata gentile Emilia per le tue belle parole

    un caro saluto… ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: