E I FIORI SFOLGORAVANO


Tu eri la sua creatura amata,
e era l’odore dei pini e dell’erba falciata,
dei fiori, e dell’acqua…

E si consumavano,
si sfolgoravano allora,
nel precipitante elemento.
mentre la perversità fioriva
come un albero di lauro.
Ma ora non ce lo portava più il suo pensiero lì,
nei momenti più austeri aveva percepito la rigidezza del cranio,
l’ altro riflesso diaccio
in quei boschi gelidi senza ombre:
immacolata fu allora, e aguzza,
come dentro a una intimità sua già compiuta e perfetta.
E vi fu solo ,
quell’ odore arido e bruciante
di foglie secche, e di polvere, delle surriscaldate pietre,
-durante le grandi epidemie, la paventata sepsi-
( E ora l’attendevano sfatti,
perché un po’ per volta tra loro si sfacesse…)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: