E DEI LANGUORI MORTUARI


C’è odore di fiori bianchi
uno sgocciolio
-e dei languori mortuari…
(lei canta dei versi
dentro mura di marmo bianco)

Sotto quel cielo neutro di deserto
considerò lo scartamento
calcolò la distorsione
– e quella fredda stagione
le idee innate il cuore
Vide un mondo che bruciava
sull’orlo di un vuoto inconoscibile
solo sangue nel nocciolo
nel tegumento
– ne la consumazione perfetta:
la terra tutta era blu
fredda e silenziosa
(inorganica negativa floreale )
vi si respirava l’odore dei millenni
-e quella voluttà della dissolutio…

Annunci

Una Risposta

  1. Ringrazio Elisa es Dorides, gentile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: