DEGLI INCONCRETI FURORI ( 5 )


5. Claudia Ruggeri

E infine c’è Claudia Ruggeri , la Beatrice minore del tacco salentino , che fece il  “folle volo”, perché la vita vera non esisteva  più.  “L’autentico non c’è in nessun luogo. Non c’è più verità; e su questa terra (ma non esiste nessuna altra terra, nessun altro cielo), non possiamo scoprire nemmeno un raggio di luce” .Era sempre vissuta tra i contrari, speranza e disperazione, passione e disprezzo, furia e dolcezza, creatura accesa di estasi  e violenza estrema… aveva dentro di sé tutti i gridi d’amore e il canto mortale del Cigno, si fece man mano sempre più invisibile, dissolvenza di se stessa, enigma di lampi di luce e zone oscure, dubbio perenne fra aspirazione al sentimento religioso e sentimento esistenziale, fra storia e metastoria, tra fuga e condanna, fra l’essere carnefici e l’essere vittime, fra l’incertezza e il caos dell’oggi e il triste e melodioso delirio del domani . Dio protegga sempre il poeta clown che riflette questa scena tremenda che è la vita, questo intero esperimento verde che è il giardino della vita, come se fosse suo, come se gli appartenesse. E invece no. Non è così per la vita dei poeti. In una atmosfera esasperata / di luce e di attesa/ perfino quelle celle le appartenevano,/ come a un essere remoto e latitante/ spaventosamente compresso, / – lo sguardo suo già in una notte.

Questa poesia è come un’onda di risacca , “un’onda sorda dentro una cavità profonda e vuota” , ha osservato una lettrice di Neobar , è fatta di fiori  velenosi , tempeste di fuoco, venti infetti, e torna come una giostra fantasmica , scheletrica , al suono di un organino , nei freddi tramonti azzurri. E’ la musica ci trasporta un immenso cadavere che giace  sui marciapiedi  di città indifferenti , su cui tutti possono ballare senza sosta , senza pudore e senza ritegno: In quel declino/ che incessantemente sempre si compiva/ dovevano essere sigillati,/ i  morti che le apparivano nei greti ( e come in una ascoltazione erano,/nei freddi tramonti azzurri ).

E siamo al commiato. Sono terminati i giorni, le ore, i minuti che ci furono assegnati.  Eccoci al bivio , si divide da lei il suo destino, si stacca come una foglia autunnale . si disfa, va a finire nella buia foce , in quel dorato buio dell’anima femminina ,  oscillante sempre  tra la tenebra e la luce . E’ un retaggio il suo di cui s’è spezzato l’ultimo filo della memoria , che  fa del mistero della poesia un suo testamento imprescindibile.  Addio, Dominique.

AUGUSTO BENEMEGLIO

Annunci

Una Risposta

  1. sono “colpita” dal soffermarsi della gentile “lallaerre”: grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: