IN UNA EVOCAZIONE DI ACQUE FRESCHE- E PERICOLOSE


Lungo la riva del fiume
le candele dei sommacchi
bruciano di un rosso opaco,
in una evocazione di acque
fresche- e pericolose…

In quei tramonti opulenti
( essi chiusi nel loro vuoto risplendente,
nel loro pallore
– e tra le dune fredde)
lei era sabbia, lei era neve
scritta riscritta spianata
( sotto sotto bruciante sempre)
lei che martirizzava poi quanto la legava a loro
tra folgorazioni sorde
qualche nuovo- feroce– atto di dio
( ” inutilmente crudele” – dice lei con tono freddo )
e le carnarie mosche
sommerse
in tutti quei fossati che producevano
soltanto giaggioli selvatici.

Annunci

Una Risposta

  1. un grazie e un saluto ai lettori:dominella86-Antonio de Simone-Pietro Casella Official

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: