“FEBBRE LESSICALE ” su REBSTEIN di Francesco Marotta ( anno 2010)


FOTO su REBSTEIN
Sono alla ricerca di tutte note e interventi che riguardano miei testi, per salvare il complesso poi tutto su questo mio blog cumulativo villadominicabalbinot così avrò preziosa visione d’insieme e magari rileggendo ringrazierò interiormente per parole e considerazioni ricevute( che peso enorme su mia voglia di non deflettere mia passione mai potrò ringraziare abbastanza
Ecco il relativo link:

https://rebstein.wordpress.com/2010/12/18/febbre-lessicale/?iframe=true&theme_preview=true#more-31182

La dimora del tempo sospeso
La dimora del tempo sospeso
Cerca
Vai al contenuto

AboutBachecaDisclaimerIl libro dei doni – pdfInformativa estesa sull’uso dei CookieLa Biblioteca di RebSteinMemorandaOspiti (a-b)Ospiti (c-d)Ospiti (e-l)Ospiti (m-q)Ospiti (r-z)Poeti Greci ContemporaneiQuaderni delle OfficineQuaderni di RebSteinQuaderni di TraduzioniRiletture

inediti,poesia,scritture,villa dominica balbinot
Febbre lessicale
dicembre 18, 2010 francescomarotta 15 commenti

Villa Dominica Balbinot

Nella gora
di anonimo mucchio
di mutanti,
tra turbinii
di polvere gialla
– e pensieri
di devozione canina –
abito in una mia
luna silenziosa,
capitolata fin dentro
i dialoghi dell’inespresso

Villa Dominica Balbinot, Poesie (2010, inedito)

FEBBRE LESSICALE

Incateno allora le parole
al canone impuro
di febbre lessicale,
all’invisibile vaglio
di intendimento sotterraneo.
Poi le inanello
– decerebrate
e affossate come conche –
in nevrosi esangue,
nella rassegnazione contemplativa,
nel quietismo del sermone,
rivelatrici chimiche
di ipotesi congelata.

SI STINGE

Si stinge, dunque,
l’ideogramma
di un calvario calmo,
teatro delle spoglie
– e dei muti / miti esercizi
in assenza di dolore –
Langue, allora,
l’estenuato innervarsi
in una immobilità malata,
sanie di chiosa inutile,
e della trafittura.

IMMAGINI SFOCATE

Nel florilegio
di immagini sfocate
– svenate di turgore –
nel gocciolare sparso
di piccole perle di grazia
– con quel tanto
di ellittico e volatile –
scartavetrata sono
nel sudario
che avvolge un segreto,
mescidanza
di totemiche parole indicibili,
e di breve ferocia.

IN CERCA DELL’ABERRAZIONE

Con irrimedibile
– e torta –
disgiunzione della postura
davanti a una stazione
della via crucis
(mio preferito tropo)
mi muovo,
nel rotatorio impulso
impresso da una mola
in cerca dell’aberrazione
della luce.

MARTIRIO

Da parassitica tabe
– di terribile urgenza –
avvolta come in un sudario
nella divisa della mia
antica maledizione,
suggello / sigillo
parole monche e vane,
sofismi speciosi e vuoti
che chiamano conforto,
a fugare
– in insostanziale decoro
da sciarade di intrattenimento –
l’epifenomeno del martirologio:
l’acqua morta bidimensionale,
l’urlo dell’esodo,
il gotico mostro nero
dai mille macchiavelli

ABBAGLIANTE AZZARDO

Decrittazione
di una sfrontata sventatezza:
venire infine a patti
con l’Inconciliabile
della melmosa inconsistenza…
Estremistica temerarietà:
decifrare poi
senza affanno alcuno
lo scorticamento,
e il furor condannatorio.

MENTRE I CIELI SI VOLGONO

Nella moria di un mondo
a esponenziale enne
son paleontologa dei fondali
tra i protozoi più remoti
(spiraliformi
nummuliti calcarei
la sfera a marcare),
in una mescola di polvere
di sintetico di vuoto,
nell’esatta geografia
della linea di displuvio,
mentre i cieli si volgono.

E NELL’ATTESA -VUOTA-

Nella sua erranza le sembrava
di essere all’interno di un tamburo
percosso da un folle,
un’esile transitoria ghiandola,
un’apnea di sangue
diffratta
nell’assoluta latitanza del salvifico.
Nel dire – bianco – del silenzio
ribatteva – lei – con lapidei
florilegi argomentali,
costretta alla bellezza gelida dell’alabastro,
tra le ossa biancheggianti fra i rovi
(e nell’attesa – vuota –
che la iconostasi si aprisse)

SULLE SOGLIE DILAVATE

Nel mistero dell’esatto
polo opposto
ormai consunto è il tempo,
sulle soglie dilavate
dal crepuscolo,
– e dalla sabbia.
Assumo allora una neutralità
appannata, rattesca,
dello stesso inesorato grigio
della superficie strutturale,
ove tutto odora di calce bagnata,
e di fresco limo.
Tra breve ha da essere distacco,
nell’eresia dell’alba.

MI RELEGO

In reptazione
(nello spazio ellittico
e liminale)
mi relego
nel recesso topologico
del punto omega,
parabola scheletrica
della parola terminale,
umido tropico
di liquidi emorragici

IL NUMINOSO

Calamita dell’anabasi,
con uno spessore di mutismo
– e nel ruolo ancillare
di oggetto inanimato –
a ritroso e controcorrente,
vado alla ricerca del numinoso,
tra la muta dei predatori

INCONCRETI FURORI

Tronco piegato e muto
con meccanicità da golem
diventa correo metafisico
di passione di tenebra,
di inutile e ipnotica
metempsicosi
in gorgo urlante.
Allora abiuro lo scandaglio,
sciatta e connivente
nello scuotere
verità troppo levigate
in inconcreti furori,
perita autoptica
di pietra tombale,
a mascariare in estetismo
tristi stecchi secchi

LAVACRO

Nella gora
di anonimo mucchio
di mutanti,
tra turbinii
di polvere gialla
– e pensieri
di devozione canina –
abito in una mia
luna silenziosa,
capitolata fin dentro
i dialoghi dell’inespresso

***
Caricamento…
febbre lessicalevilla dominica balbinot
Navigazione articolo
Articolo precedenteL’esperienza dell’inizio
Articolo successivoI custodi del talismano
15 pensieri su “Febbre lessicale”

Narda Fattori?iframe=true&theme_preview=true
dicembre 18, 2010 alle 4:56 pm

Sono versi di pura tensione, dilavati da scorie lasciate sottotraccia; si percepisce la tensione fra un io che partecipa del tutto ma non vuol farsi misura di esso.
La scelta della luna silenziosa è una bella metafora di questa poesia potente e tenue, in sè ossimorica, viva e spurgata da malori e malori.
Rispondi
francescomarotta?iframe=true&theme_preview=true
dicembre 18, 2010 alle 6:14 pm

Grazie Narda, leggo nel tuo commento anche una chiara indicazione critica “di percorso” – che condivido.

fm
Rispondi
dicembre 18, 2010 alle 7:06 pm

Dico subito un grazie a Francesco Marotta , per la sua scelta di “ospitarmi” nella sua !dimora”: mi ritengo onorata, grazie!
Trovo che anche le sue altre scelte ( della immagine, e del primo testo a iniziare) siano davvero delle scelte indovinate. delle “belle” scelte
Grazie.

villa dominica
Rispondi
dicembre 18, 2010 alle 7:22 pm

Gentile Narda, trovo queste tue osservazioni molto acute, mi ritrovo nella “tensione ossimorica ” e mi dà da pensare ( nel senso di materia di riflessione per me) ciò che dici a proposito di una potenza tenue: io quando mi rileggo trovo/provo alla fine di parecchi testi una sorta di “spossatezza ” come appunto una caduta da tensione /potenza estrema
E il fatto che – se non ho inteso male- lo possano notare i lettori per me è importante!
( sai gli osservatori esterni possono essere più lucidi di chi è coinvolto in prima persona, non è vero?)

grazie narda, di esserti soffermata, un saluto
Rispondi
marco ercolani?iframe=true&theme_preview=true
dicembre 18, 2010 alle 8:51 pm

(non sono Marco Ercolani ma LucettaFrisa costretta a usare il pc. del marito dato che il suo è in tilt)
…”vado alla ricerca del numinoso…”
Conoscevo di Dominica altre poesie che si presentano come un lungo racconto ininterrotto di misteri rabbrividenti. Qui la versificazione è diversa-versi più brevi, asciutti,icastici- e l’apprezzo quanto la prima, con la stessa tensione criptica che comunque sorprende.
Bellissimo il titolo!
E tanti Auguri dato che è il suo primo libro.
lucetta

lucetta
Rispondi
dicembre 18, 2010 alle 9:58 pm

AH, Lucetta Frisa con doppia identità:-))
Carissima Lucetta dici bene, tu conosci i testi via via pià recenti su VDBD, questi qui postati insieme a altri di quelli da te già letti erano all’interno di un insieme di poesie che cumulativamente ho inviato a Francesco, e lui all’interno dell’insieme ha liberamente poi scelto quali postare:-))
le tue osservazioni sono una volta di più condivisibili, del resto fai bene a tenere presente entrambe le due modalità, le tematiche (da te a un certo punto definite “rabbrividenti” sono a ben vedere già tutte presenti( ad esempio è vero che vado alla ricerca deil numinoso, ma purtuttavia tra i predatori) : il modo più esatto di dare significato a quel “rabbrividente” sarebbe- a mio parere beninteso- rapportabile alla sensazione che può venirsi a determinare da una visione crudissima della realtà , una visione senza abbellimenti idilliaci ma con un sottofondo ( che si trova negli esiti più riussciti) di estenuazione questa sì rabbrividente ma forse in un senso di pulsione tormentosamente dolorante e pure nostalgica..

come vedi, me la canta e me la suono, :-)) ma non nel senso egoistico per fare convenire chi mi legge a ciò che dico io stessa, ma per dare iil mio punto di vista alle singole osservazioni che voi generosamente mi offrite come spunto di lettura e critica!

ciao Lucetta attenta e costante nel leggermi:-))
grazie, ti saluto
Rispondi
dicembre 18, 2010 alle 10:33 pm

Cara Villa Dominica Balbinot, ti ritrovo qui nella casa di Francesco Marotta con grande piacere. I tuoi testi potenti sono certo motivo di spossatezza dopo la stesura, ne convengo;eppure sono corde tese che rischiarano l’aria attorno, ne pesano ogni evoluzione alleggerendone la caduta (risultato non facile!). Stile, forma, suono, contenuti, sono un unico marchio tuo personalissimo e affascinante. Grazie a te e a Francesco per questo dono che, come certo sai, apprezzo oltremodo, Con stima,
Federica Galetto
Rispondi
dicembre 19, 2010 alle 11:04 am

grazie a te, cara Federica, per il nuovo generoso tuo intervento che mi offre altri tasselli per tentare di definire al meglio ciò che vado scrivendo( una specie di caduta ma “ben tesa- nel senso di tensione di forze sempre comunque presenti, così io ho inteso la tua nota, una sorta di forza che traspare perfino dalla debolezza in realtà..))
E mi fa piacere che tu poni l’attenzione anche allo stile, alla voce . a mio parere fondamentali per dare corpo alle proprie parole, ai proppri intendimenti:-))

grazie, grazie della stima
un caro saluto a te, ciao!

dominica
Rispondi
dicembre 19, 2010 alle 3:34 pm

è bello leggerti qui Domi! ciao antonella
Rispondi
dicembre 19, 2010 alle 4:45 pm

E per me è bello leggere queste tue parole carissima antonella!
Rispondi
dicembre 20, 2010 alle 11:41 am

è da tempo che seguo l’amica villa dominici, la trovo sempre puiù brava e incisiva anche se, da un po’, avevo perso di vista la sua evoluzione immaginifica.. colgo occasione per augurarLe i miei auguri più sinceri per tutto..
Rispondi
dicembre 20, 2010 alle 4:15 pm

Notevole perché sagacemente introspettivo il monitoraggio di Dominica , e linguisticamente ( a me pare ) risolto : non un epicedio di lamentazioni/ elegia/ recriminazioni , ma una confessione antisentimentale “pulita”, fatta salva da sudditanze filiazioni e canti di sirena ; con esiti notevoli laddove il linguaggio si fa più crudo , e l’espressività più personale , riconoscibile .
Complimenti
Cordialità
leopoldo attolico
Rispondi
dicembre 20, 2010 alle 7:42 pm

Grazie a te, caro roberto.! D’ora in avanti cerca di seguire sempre quella che tu chiami la mia “evoluzione immaginifica”, mi farebbe piacere “ritrovarti” :-)) e poi magari mi faresti utili incoraggiamenti!

anche a te, sempre gentile e generoso. tantissimi auguri, un caro saluto, ciao
Rispondi
dicembre 20, 2010 alle 7:53 pm

Un po’ tramortita -( positivamente si intende, ma pur sempre tramortiTa)- dall’argomentato lucidissimo commento che fa ai miei testi e al mio dire Leopoldo Attolico: acuto perchè con le sue annotazioni raggiunge il nucleo pulsante che è alla base di tutto, parole le sue che “salverò” perchè analitiche ma anche calorose per me..
grazie tantissime, e piacere di “conoscerla” gentile e attento Leopldo Attolico

Villa Dominica

tanti saluti e auguri.
Rispondi
Pingback: &iframe=true&theme_preview=true

Comm
Top Posts

Post-Kult, 1
Febbre lessicale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: