LE MIE POESIE DEL 2018


AVEVANO QUALCOSA DI FRAGILE

[…Avevano qualcosa di fragile,
quelle giornate di un grigio delicato..]

Fra quelle precarie-elettriche-ombre
( piatte fisse
come calcinate)
si evidenziava
la estrema linea,
di una intera-adamantina– crudeltà…
Da quelle feritoie alte
– e sull’impietrato
-lì in quell’angolo remoto,
vi era la fine degli anni amati,
la suppurazione suprema
– de le storie minime, Continua a leggere

Annunci

ANCHE GLI UOMINI PRENDEVANO FUOCO


(…Amavo i crepuscoli di marzo,
le pozze gelate color dello stagno,
quei piccoli tulipani opachi…)

Il sole tramontava dietro
l’orlo diritto dei boschi lontani,
gli alberi erano sullo sfondo
di un
perfetto cielo …
Una rammemorazione vi era, Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: