RECENSIONI E NOTE CRITICHE SUI MIEI TESTI


Posto qui, in questo spazio specifico-l’elenco di tutti i link con cui potrete visualizzare i siti dove sono state postate mie poesie e anche – e soprattutto- i siti dove compaiono le recensioni e le varie note di lettura sui miei testi, in ordine cronologico Naturalmente sarà un raggruppamento in – si spera- costante aggiornamento. Ringrazio tuttii vari autori per la bella disponibilità avuta nei miei confronti

https://lapoesiaelospirito.wordpress.com/2008/05/29/villa-dominica-balbinot-quattro-poesie/

http://rebstein.wordpress.com/2010/12/18/febbre-lessicale/

http://neobar.wordpress.com/2011/03/08/villa-dominica-balbinot-febbre-lessicale/ ABELE LONGO

http://poetarumsilva.wordpress.com/2011/10/09/editi-da-febbre-lessicale-dominica-villa-balbinot/ MORFEA Continua a leggere

Annunci

NOTE CRITICHE di GIACOMO CERRAI su “IMPERFETTA ELLISSE”


“Villa Dominica Balbinot mi ha mandato questi testi qualche tempo fa, chiVilla Dominica Balbinotedendomi che ne pensassi. Li ho letti con un certo interesse, perché indubbiamente escono un po’ dagli schemi, se si va oltre una impressione non del tutto peregrina di forme crepuscolari innestate con dosi massicce di simbolismo. Il primo appunto che ho preso, scritto a margine, è stato per la verità “poesia barocchetta”. Volendo forse significare con questo non solo una scrittura con forti circonvoluzioni e priva di spazi aperti ma anche dove il paesaggio, inteso in senso lato sia come naturale che umano, si defila, a favore della costruzione, o si rappresenta come un fondale o una quinta, in una maniera che mi ricorda l’ Isola dei morti di Arnold Böcklin. In realtà qui, restando al barocco, c’è sì molta complessità ma poco capriccio, perché il tema o quanto meno l’atmosfera prevalenti sono compatti e concentrati, Continua a leggere

MIO INTERVENTO sulle ANNOTAZIONI DI GIORGIO LINGUAGLOSSA su alcuni miei recenti testi


“Innanzitutto ringrazio davvero tanto GIORGIO LINGUAGLOSSA, di essersi prontamente dimostrato disponibile a dare visibilità e lettura dei miei testi, pur giungendogli io come autrice da zone in cui lui non credo mi avesse mai incontrato, neppure per coincidenza di articoli sul web in cui ci si imbatte per accumulo di coincidenze pur probabili ma non obbligate.
E lo ringrazio per avermi dato grande generosa visibilità sul suo blog dove si possono incontrare autori di ogni provenienza , autori da scoprire e riscoprire, arricchendo la conoscenza del magmatico poliedrico mondo poetico, quindi dando possibilità a chi legge e magari interviene di fare esperienze di grande apertura intellettuale partendo sempre da studiosi esperti e impegnati in prima persona.
Per quanto riguarda il suo COMMENTO PSICOFILOSOFICO Continua a leggere

NELLA CONTRATTA LUCE, NEL PAESAGGIO ARSO


Nella contratta luce
(oltre il muro della vicina casa)
vi è un che di recente penoso
inutilmente tetro:
continuava sempre il disgelo,
e radici deformi affondavano nella terra,
come se – e del freddo– le ustioni poi fossero.. Continua a leggere

IN UN CORRIDOIO DI LUCE DURA


In un corridoio di luce dura
(e superfici fragili)
una stessa ferma aria
risplendeva in tutta la sua fredda forza
nelle città costruite su fiumi sotterranei
luccicanti disperatamente nelle sere
-e tra gli scheletri di anonime piante grige…
Ci si mise di fronte,
a tutta quella cifra folle
scintillante assoluta Continua a leggere

CRITICA SU “BLANC DE TA NUQUE” del 18 gennaio 2016( e mie osservazioni a riguardo)


RECENSIONE DEL CRITICO STEFANO GUGLIELMIN

Sospeso tra l’inferno vero e la compiuta fine del mondo terrestre, l’io drammatico di Quel luogo delle sabbie (autoprodotto, 2015) ci conduce nell’esperienza mistica della crocifissione, dove caduta, sfacelo e contagio, carezzando l’aria con il loro terrore bluastro, gli danno piacere. A ragione, Augusto Benemeglio (Liberolibro.it, 22/12/14) scrive che Villa Dominica Balbinot è una poetessa “che reca in sé le stimmate da primo romanticismo germanico, della tenebrosità, il senso dell’orrido e della funerea desolazione, ma anche quello decadente di Baudelaire, sempre sospeso tra la benedizione celeste e quella diabolica”. Sembra infatti uscito da una teca ottocentesca questo libro densissimo e inquietante, Continua a leggere

CRITICA SU “POETARUM SILVA” del 17-01-2015



“Solo le morte torri” – Inediti di Villa Dominica Balbinot

È il tempo verbale dell’imperfetto indicativo a prevalere in questi inediti di Villa Dominica Balbinot, a delimitarne i poli, ben visibili nella loro versione ‘pura’ e nel loro mescolarsi in varie gradazioni, tra descrizione e narrazione, tra vertiginosa resa di un manifestarsi impietoso e racconto di un dis-farsi progressivo e inarrestabile. Se, tuttavia, l’irruzione dell’orrido («estensione terribile») si manifesta con un’intensità che «all’accerchiato umano» appare insostenibile, a questa si oppone una volontà energica, infuocata, di sollevazione, di moto contrario, che torna «a affermare / le sue condizioni di furore». La “vocazione teatrale” della poesia, Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: