I MONTI TINGEVANO SEMPRE DI BLU


I monti tingevano sempre di blu l’orizzonte

E proprio lì si profilava

l’ultimo perduto sentimento…

In tutta quella verdezza

(azzurrata dalla lontananza)

e con grandi sinistre ramificazioni

dei fiori molli di colorazione fulva

 [e ogni tanto perfino su certi abrasi campi,

in quell’angolo della terra delirante]

ogni ombra riverberava  come fosse ardesia,

anche sulle lame dell’iris:

non vi era ancora pienamente

la morte del fulgore.

Il delitto piccolissimo,

l’assettatore di cadaveri

( tra le cave pareti concave

bianche).

Una Risposta

  1. grazie e un saluto a Cipriano Gentilino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: