TUTTI QUEI DESERTI ROVENTI


Nella luce cruda dell’alba
( nei deserti roventi)
era scaduto il tempo vincolato,
faceva ora la scoperta dei recessi;
enormi ninfee galleggiavano mostruose,
e tutto era inconsueto , troppo dolce, troppo grande…

La crudezza del mondo era tranquilla,
profondo era l’assassinio,
prima che potesse accadere veramente qualcosa
(nella sovrabbondanza dell’azzurro)
qualcuno doveva fermare le mani sanguinarie
strappandola via dalla risacca,
dai fiumi della perdita.
Ora amava con repulsione,
con le bocche che parevano piaghe,
il suo era un sentimento funerario,
sarebbe stata costretta a baciare il lebbroso
per fare più bella la cenere dei morti,
fra i profumi delle tuberose.
“Oh,
Ma il giudizio verrà,
Lui non può macchiarsi, lasciandola alla sua follia,
la decomposizione sarà profonda, profumata…
Qui dentro ogni cosa è crudele,
un fuoco madido..”
(Eppure il mondo sembrava suo
– il perituro, il suo-
tutti quei deserti roventi:..)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: